animedelpurgatorio

IL BAMBINO


Gesù,

tu sei nato debole

perché io

non abbia mai paura di te.

 

Sei nato povero

perché io ti consideri

la mia unica ricchezza.

 

Sei nato piccolo

perché io non cerchi

di dominare gli altri.

 

Sei nato in una grotta

perché ogni uomo

sia libero di incontrarti.

 

Sei nato nella semplicità

perché io smetta

di essere complicato.

 

Sei nato per amore

perché io non dubiti

mai del tuo amore.

 

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

TRATTO DAGLI SCRITTI

 

 

Ti assicuro che, se noi figli di Dio lo vogliamo, contribuiremo poderosamente a illuminare il lavoro e la vita degli uomini, con lo splendore divino — eterno! — che il Signore ha voluto porre nelle nostre anime.

 

Però “chi dice di dimorare in Gesù, deve seguire il cammino che Egli ha seguìto”, come insegna San Giovanni: cammino che porta sempre alla gloria, passando — pure sempre — attraverso il sacrificio. (Forgia, 1018)

 

Signore mio Gesù: fa` che io senta, che assecondi a tal punto la tua grazia da svuotare il mio cuore..., perché lo possa riempire Tu, il mio Amico, il mio Fratello, il mio Re, il mio Dio, il mio Amore! (Forgia, 913)

 

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

18 gennaio 1932

 

Scrive in proposito: “La domenica la dedicherò alla Trinità beatissima. Il lunedì alle mie buone amiche le anime del Purgatorio. Il martedì al mio Angelo Custode e a tutti gli altri Angeli Custodi. Il mercoledì al mio Padre e Signore San Giuseppe. Il giovedì alla Sacra Eucarestia. Il venerdì alla Passione di Gesù. Il sabato alla Vergine Santa Maria, mia Madre”.

 

 

Tutti i defunti.“Le anime sante del purgatorio. — Per dovere di carità, di giustizia, e anche per giustificabile egoismo — sono così potenti davanti a Dio! — tienile molto presenti nei tuoi sacrifici e nella tua orazione.Potessi tu dire, nel nominarle: Le mie buone amiche, le anime del purgatorio...”.